L'ikigai, qual'è il tuo scopo nella vita?

L'Ikigai, nella cultura giapponese, è un termine che indica quel qualcosa che conferisce senso alla nostra vita, quella cosa per cui vale la pena alzarsi dal letto la mattina, qualcosa che rende la propria vita significativa e anche utile agli altri.

L'Ikigai non deve essere per forza una qualcosa di grandioso, come portare la gente su Marte o eradicare il cancro dalla faccia della terra.

Essendo un concetto squisitamente personale, ognuno sviluppa un proprio scopo partendo da ciò che è accaduto a sè, alla propria famiglia o agli amici.

Pensa, ad esempio, a tutte quelle associazioni di beneficenza che vengono fondate dopo la morte di una persona cara e che si impegnano nel sociale.

L’Ikigai è formato da quattro elementi:

1. ciò che ci piace fare,

2. ciò che sappiamo fare bene,

3. ciò per cui potremmo essere pagati

4. e ciò di cui il mondo ha bisogno.


E' l'insieme di passione, professione, vocazione e missione.

Fare qualcosa senza passione, sebbene si è bravi a farla, si venga pagati e il mondo lo richiede, ci fa sentire confortati ma anche vuoti.

E' il caso di quei lavori che disprezziamo, ma che siamo "obbligati" a fare per sopravvivere.

Fare qualcosa senza saperla fare veramente, sebbene la si ami, si venga pagati e il mondo lo richiede, ci eccita ma ci dà anche insicurezza perché sappiamo che è tutto precario e che potrebbe svanire da un momento all'altro..

Fare qualcosa senza essere pagati, sebbene la si ami, si è bravi a farla e il mondo lo richiede, ci dà gioia ma anche frustrazione.

E' la frustrazione di chi sente di essere speciale e che là fuori qualcuno sta sfruttando le sue abilità.

E' il caso degli stage e dei volontariati infiniti, dove la persona non viene retribuita come meriterebbe.

Fare qualcosa che il mondo non necessita, sebbene la si ami, si è bravi a farla e si venga pagati, dà soddisfazione, ma anche senso di inutilità.

Rientrano in questa categoria tutte quelle persone che, per arricchirsi, sanno di dover mentire e danneggiare il prossimo (o l'ambiente).

Infine, avere uno scopo, e quindi un buon motivo per alzarsi dal letto la mattina, migliora anche la qualità del sonno, secondo alcuni ricercatori dell'Università di Northwestern.

Jason Ong, uno degli autori, afferma che dare uno scopo nella vita alle persone potrebbe essere una strategia anti-farmaco per eliminare tutti quei disturbi del sonno che caratterizzano la nostra società.

E tu, hai trovato il tuo Ikigai? E se la risposta è sì, qual è e come sta cambiando la tua vita?


Dott. Umberto Pianella

Psicologo, Psicoterapeuta, a Civitanova e a Macerata.

Per maggiori informazioni visita il mio sito. >

www.umbertopianella.com

79 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti